.
Annunci online

Achab


Diario


24 giugno 2004


Céline lasciò il blog per la prole, Achab per la neosposa

 

Mi congedo con un estratto del geniale racconto di Dave Eggers "Lettere di Steven, un cane, ad alcuni capitani d’industria", pubblicato da minimum fax nella raccolta "Burned Children of America"

 

 

Robert G. Miller

Amministratore Delegato

Rite Aid

30 Hunter Lane

17011 Camp Hill, Pennsylvania

 

 

Gentile signor Miller,

Lei non mi conosce e quanto sto per scriverle non la riguarda personalmente, ma nondimeno necessito della sua piena attenzione. Ho preso, ormai da qualche settimana, a scrivere lettere a persone come lei - però dal punto di vista di una cane di nome Steven. Ecco una lettera di questa fatta, per lei:

 

Mi chiamo Steven e sono nato subito dopo che i bambini sono tornati da scuola. Ho passato giorni ad abbaiare pur non sapendo perché stessi abbaiando. In quei giorni abbaiavo, abbaiavo, fino a diventare rauco e stanco, sapendo di non sapere perché abbaiassi, e tuttavia pensando per tutto il tempo che in un secondo momento sarei riuscito a capirlo. Ieri correvo sotto cento altissimi olmi, piantati in fila. Correvo verso una spianata dove l’erba sotto il sole era verdolina e soffice e mentre correvo con gli occhi vitrei per l’aria fredda ho pensato a mia sorella, che mi fu portata via tutti quegli anni fa, prima che le si aprissero gli occhi. Il mio pelo sembra carta vetrata, ma a toccarlo è magnifico. Ancora non so perché abbaio. In questo momento, dopo che è stato nuvoloso più o meno per una settimana, mi sento bene, mi sento riposato, come se non volessi abbaiare mai più. Ma so che ben presto mi ritroverò ad abbaiare, abbaiare finché non mi viene la voce roca, incapace di smettere di abbaiare oh mio Dio la gente mi fissa come se dovessi morire da un momento all’altro, per quanto sto abbaiando.

 

Be’, ora penso che sia tempo che lei torni al suo lavoro, signor Miller.

 

 

D.

Daniel O’Mara

5811 Mesa Drive, # 216

78731 Austin, Texas




permalink | inviato da il 24/6/2004 alle 14:43 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


21 maggio 2004

Non in tre in motocicletta!

Polizia acrobatica

 

 

 

Ma era la Festa della Polizia o il Circo Orfei ?




permalink | inviato da il 21/5/2004 alle 11:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


21 maggio 2004

Titti Tremonti e Gatto Fini

Esilarante commento di Massimo Riva sull'Espresso di oggi:

"lo scontro fra il vicepresidente Fini e il ministro Tremonti assomiglia sempre di più alla nota serie di 'cartoons' che hanno come protagonisti Gatto Silvestro e il canarino Titti. Ormai non passa mese o settimana senza che l'astuto Fini-Silvestro escogiti qualche ultimativa trappola per mettere le mani sulla gabbia dentro la quale cinguetta presuntuoso e arrogante Titti-Tremonti. Ma ogni volta, implacabilmente, il tentativo si risolve in una disastrosa ritirata dello sfortunatissimo gatto. Anche perché, nelle rare occasioni in cui gli attacchi di Silvestro-Fini sembrano più vicini all'obiettivo, ecco intervenire, come nel celebre filmino, la nonna Berlusconi che salva l'uccellino in pericolo, coccolandolo sotto gli occhi furenti e desolati del malcapitato assalitore"

Qui il resto




permalink | inviato da il 21/5/2004 alle 11:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 maggio 2004

L'autocandidatura di Gaspar

Maurizio Gasparri dichiara al Giornale di sentirsi pronto per fare il Commissario Ue. Domanda: ma chi te l'ha chiesto?




permalink | inviato da il 10/5/2004 alle 10:35 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


28 aprile 2004

An trash

Vorrei approfittare del blog per porre una domanda al mitico viveur, Ignazio La Russa, a tempo perso coordinatore di An.

Caro 'Gnazio,

capisco che sentirsi ripetere per decenni che la cultura è di sinistra per definizione, che non può esistere un pensiero culturale-artistico di destra abbia lasciato profonde ferite.

Capisco l'irrefrenabile voglia di rivalsa.

Ma ti chiedo (perdona il cameratesco tu): ci si riscatta andando a pescare nel trash dello spettacolo? Dopo Lando Buzzanca, Lino Banfi, Luca Barbareschi era proprio necessario reclutare Marcella Bella?

tuo, Achab




permalink | inviato da il 28/4/2004 alle 11:9 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (9) | Versione per la stampa


28 aprile 2004

Irak, il ritiro delle trousses

Christian Rocca, il Foglio 


Al direttore - Lilli a Bruxelles. A Baghdad finalmente si ritirano le trousses

 




permalink | inviato da il 28/4/2004 alle 9:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


20 aprile 2004

¡Arriba España!

 





permalink | inviato da il 20/4/2004 alle 18:20 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (4) | Versione per la stampa


20 aprile 2004

Esposto come un Buffalo Bill

Roberto Beccantini, La Stampa:


Gli hanno dedicato film, piéce teatrali e un museo itinerante; Claudia, la moglie sposata al Luna Park di Buenos Aires con sfarzo hollywoodiano, gli ha dato due figlie, Djalma e Giannina;un figlio, Diego junior, l'ha avuto da Cristiana Sinagra, frequentata all'epoca dell'avventura napoletana. E' stato ammanettato in diretta tv con le pupille stuprate dalla coca, ha sparato ai giornalisti che bivaccavano attorno alla sua villa, ha scelto la Cuba di Fidel Castro, come tana di un'età che matura, almeno nel suo caso, non è mai stata. (...) E' sempre stato, semplicemente, il più esagerato. Agenti senza scrupoli ne hanno succhiato, avidi, il conto in banca. Non ha mai saputo scegliere, Diego: né fra gli amici, né fra le donne. Usa e getta, getta e usa: sempre, e sempre di più. Goloso, blandito, religioso: anche il peccatore che molti vorrebbero essere.(...) Resta memorabile l'allocuzione che rivolse ai giornalisti alla vigilia della semifinale Italia-Argentina, Mondiali del 1990, in programma al San Paolo: «Trovo di cattivo gusto chiedere ai napoletani di essere italiani per una sera, dopo che per 364 giorni all'anno, li trattate da terroni».(...) Il frettoloso sodalizio con il dopatissimo Ben Johnson, le foto con Fidel e con Menem, l'impiego della politica come clava, un po' profeta e un po' imbonitore, fedele al suo machismo da strada, 353 gol in tutto, solo 6 con il piede destro. Nel gennaio del 2000, a Punta del Este, la Rimini uruguagia, la prima, squassante, crisi di cuore. Si è ripreso, è venuto più volte in Italia, trofeo ambito dei Biscardi e delle Carrà. Esposto come un Buffalo Bill un po' andato, ma capace, ancora, di sollevare un alito di audience. Un'icona gonfia e tragica.



 




permalink | inviato da il 20/4/2004 alle 17:14 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


16 aprile 2004

L'Indipendente vs Il Foglio

Scrive oggi L'Indipendente: 


«Andrea Marcenaro ieri nella rubrica che Il Foglio gli pubblica in prima pagina, si chiedeva se davvero li vogliamo riportare a casa gli ostaggi italiani, visto che "vestono da trucidi, hanno i braccioni, le magliette attillate e tanti muscolacci".

Sia contento Andrea Marcenaro, almeno Fabrizio Quattrocchi ("un fesso" secondo lui) a casa non tornerà mai più. Ora chissà cosa scriverà nei prossimi giorni, chissà se ieri - mentre il suo articolo era ancora caldo e il corpo di Quattrocchi già freddo - è almeno riuscito a vomitarsi addosso per le infamie che ha scritto, per i suoi calembour di merda che tanto ci ricordano lo scempio di Sofri su Lotta Continua».




permalink | inviato da il 16/4/2004 alle 12:49 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


9 aprile 2004

Vota Uguccione!

 


Il Partito dei Comunisti Italiani di Cossutta&Diliberto candiderà per le elezioni europee Bebo Storti.


La fantasia al potere


 




permalink | inviato da il 9/4/2004 alle 16:6 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


5 aprile 2004

JAN's party

04.04.04 alle ore 4 festeggiati i primi 4 mesi di JAN




permalink | inviato da il 5/4/2004 alle 16:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


1 aprile 2004

Azione Bambini

Il movimento giovanile di Alleanza Nazionale, Azione Giovani, ha eletto domenica a stretta maggioranza il nuovo segretario, Giorgia Meloni, 27 anni, romana, ex consigliera provinciale, non rieletta alle ultime elezioni. La Meloni, che fa capo alla corrente di Gasparri e La Russa, ho sconfitto Carlo Fidanza, sostenuto dalla Destra sociale. Sembra che le due correnti in gara si siano divise soprattutto sul grado di ostilità a Israele, e al relativo pellegrinaggio di Fini. La Meloni, moderata, spiegava in una recente intervista, cosa la rendeva pronta per un incarico di dirigente in AN: “La nostra bibbia è Il Signore degli Anelli di Tolkien. Siamo portatori dei valori della spiritualità”. La Meloni, ha così riassunto il suo programma di neoeletta: “La risoluzione pacifica della guerra israelo-palestinese, e la difesa dell'interesse nazionale per la costruzione di un'identità forte”. Perché mai Israele debba essere al primo punto di un partito italiano è un mistero. O forse, davvero, quello dell’antisemitismo è ancora un nervo scoperto.    

 

(Valerio Fioravanti, L'Opinione)

 




permalink | inviato da il 1/4/2004 alle 20:17 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


1 aprile 2004

Mito che uccide

Mirella Serri sulle pagine culturali de La Stampa recensisce il libro "Mito che uccide" di Mario Baudino. Una sorta di biografia di Otto Rahn, l'intellettuale tedesco che rispolverò il mito dei càtari. Visionario e ascetico, persecutore e perseguitato. Gian Enrico Rusconi scrive dell'aggancio della mitologia dei càtari all'ideologia nazionalsocialista   

«Incrocio di affabulazioni. miscuglio transtorico di leggende, menzogne, teorie teosofiche e razziste e intuizioni scientifiche. Ma anche di ispirazioni artistiche».




permalink | inviato da il 1/4/2004 alle 16:32 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


30 marzo 2004

C'erano una volta i comunisti

Quest'oggi allegato al manifesto - "quotidiano comunista" - c'è il supplemento auto-critica. Contenuto: 28 pagine sull'automobile. Di cui:

1 pagina pubblicitaria Toyota  + 1 pagina pubblicitaria Renault + 2 pagine pubblicitarie Seat + 1 pagina pubblicitaria Mercedes + 1 pagina pubblicitaria Peugeot + 2 pagine pubblicitarie Fiat + 1 pagina pubblicitaria KIA + 1 pagina pubblicitaria Citroen + 1 pagina pubblicitaria Volvo + 1 pagina pubblicitaria Land Rover + 1 pagina pubblicitaria Honda

Ah dimenticavo! ci sono anche degli articoli di contorno.

(Nostalgie degli scontri Lama-Romiti)




permalink | inviato da il 30/3/2004 alle 12:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (3) | Versione per la stampa


29 marzo 2004

Lo strano caso del Senatùr ucciso a mezzanotte

Mettiamo il caso che l'Umberto sia passato a miglior vita...

Mettiamo il caso che i colonnelli con il fazzoletto verde vogliano tenere nascosta la notizia...

Mettiamo il caso che il Cav. tema lo sbrindellamento delle truppe leghiste e regga il gioco...

Mettiamo il caso che con un Bossi in terapia intensiva la Lega, per una sorta di cavalleria politica, non venga momentaneamente descritta come il ritrovo di trogloditi manigoldi...

Mettiamo il caso che sfruttando questo momento di armistizio diplomatico Bobo & Co. portino a casa l'agognata devolution...

Mettiamo il caso che il tutto sia finalizzato ad arrivare alle elezioni europee/amministrative di giugno dove lanciare la campagna "un voto per l'Umberto"...




permalink | inviato da il 29/3/2004 alle 18:10 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


26 marzo 2004


Il libro del Papa




permalink | inviato da il 26/3/2004 alle 17:29 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


24 marzo 2004

Separati alla nascita



 



 


(Yassin - Saruman) 



 




permalink | inviato da il 24/3/2004 alle 14:37 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (1) | Versione per la stampa


22 marzo 2004

E' tempo di falchi

 





 

 




permalink | inviato da il 22/3/2004 alle 19:19 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


19 marzo 2004

Jena

«All'ultimo momento Berlusconi non ha potuto partecipare alla manifestazione contro il terrorismo. Lo hanno sostituito Schifani, Cicchitto e Fassino»

 

Jena, il manifesto




permalink | inviato da il 19/3/2004 alle 17:46 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 marzo 2004

C'è solo un Divin Giulio

Secondo il Velino i governi europei stanno già pensando ai nomi dei prossimi commissari. Per il Belpaese pare certa la conferma di Mario Monti (il Cav. ha apprezzato il suo declinare la proposta di candidatura del Triciclo) per l'altro posto si autocandida Rocco Buttiglione, ma potrebbe andare a Giulio Tremonti




permalink | inviato da il 18/3/2004 alle 16:33 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


18 marzo 2004

La signora Brichetto Arnaboldi e i Ds

Sostengono ventinove deputati Ds che tutte le iniziative prese fino ad oggi dal Ministro per l'Istruzione non sono validi. La titolare del dicastero ha firmato il decreto che introduce la riforma della scuola con il nome, a tutti conosciuto, di Letizia Moratti. Ma il vero nome della signora è Letizia Brichetto Arnaboldi Moratti. 

«Gli atti devono essere firmati con l'indicazione del proprio nome e cognome e questo si ottiene, in caso di una donna sposata, aggiungendo al proprio cognome quello del marito, ma mai sostituendo al proprio cognome quello, casomai particolarmente noto, del marito».




permalink | inviato da il 18/3/2004 alle 15:34 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 marzo 2004

Elefantino spazientito


Giuliano Ferrara è stanco e, commentando le gesta della destra cialtrona che ha affossato la legge Boato sui poteri di grazia del Quirinale, afferma:

«Questo giornale e' nato da un patto d'amicizia non servile con Berlusconi, ora dovrebbe chiudere all'istante, insieme con un'amicizia consumata. Essendo un giornale minimamente utile, andiamo avanti nella piu' assoluta liberta', senza piu'  illusioni e senza rancori, finche' la proprieta' editoriale non decidera' di cacciarci».




permalink | inviato da il 17/3/2004 alle 19:56 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


17 marzo 2004

Il mondo alla fine del mondo

Clamoroso sciacallaggio de "il manifesto" su Luis Sepulveda. Lo segnala Pfaall




permalink | inviato da il 17/3/2004 alle 19:0 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


17 marzo 2004

Il caudillo José Maria ?

Tornano gli spettri di una destra bieca, reazionaria a cui piace accarezzare le sciabole. Pedro Almodovar riferisce all'Unità che José Maria Aznar stava pensando ad un golpe. O meglio ad un rinvio delle elezioni per motivi di emergenza, con contestuale denunce contro i partiti di opposizione. Il progetto sarebbe fallito per l'opposizione del Re e delle forze di polizia.

Mariano Rajoy ha annunciato una querela contro il regista.




permalink | inviato da il 17/3/2004 alle 16:50 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


16 marzo 2004

La fermezza di Scalfari

Scrive Eugenio Scalfari oggi sul giornale da lui fondato:

«esiste una sola valida ricetta per combattere il terrorismo: prosciugare l'acqua che lo circonda lasciandolo a secco (..) così fu distrutta la prima e la seconda generazione terrorista nell'Italia degli anni di piombo. Quando ancora oggi si parla (..) di album di famiglia per mettere allo scoperto le derivazioni leniniste di quel fenomeno si crede di mettere in imbarazzo i figli e i nipoti della politica di Berlinguer. Si dimentica che la vittoria sulle Br fu dovuta soprattutto, ma vorrei dire quasi interamente, alla fermezza con la quale il Pci di allora e il sindacato di allora prosciugarono l'acqua nelle fabbriche e nella classe operaia intorno al pesce brigatista».

Che stupidi che eravamo!  Quei timidi riferimenti ai "compagni che sbagliano", quelle complicità di giornalisti, intellettuali, magistrati dell'intellighenzia rossa era solo una strategia di prosciugamento.

 




permalink | inviato da il 16/3/2004 alle 19:40 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (2) | Versione per la stampa


12 marzo 2004


L'Italia del i Gabibbi

 

Raccontata da Gianluca Neri. Qui




permalink | inviato da il 12/3/2004 alle 10:5 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


12 marzo 2004

11 marzo 2004: siamo tutti spagnoli

 

(Per Mediavideo ieri la notizia d'apertura era la crisi cardiaca del Senatùr)




permalink | inviato da il 12/3/2004 alle 9:53 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


10 marzo 2004

Bush copia il Cav?

E' quanto sostiene Federico Rampini nel suo blog, riportando il nuovo spot anti-Kerry




permalink | inviato da il 10/3/2004 alle 18:12 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa


9 marzo 2004

L'arroganza di M. Sollers

Philippe Sollers è un noto intellettuale francese, editor della celebre Gallimard. In un'intervista a La Stampa prova a replicare alle critiche rivolte  da Barbara Spinelli all'intellighenzia d'oltralpe. Alcuni stralci della bella intervista del corrispondente da Parigi, Cesare Martinetti.

Battisti non è stato estradato per un vizio di forma nella procedura, non perché la richiesta sia stata giudicata infondata

«Lo so, ma la questione è: si può estradare qualcuno oggi per fatti che risalgono a venticinque anni fa?».

E' dal '90 che l'Italia chiede l'estradizione di Battisti, processato e condannato da corti normali e non speciali come dite voi.

«Comunque sono passati venticinque anni...»

Si tratta di omicidi. Lei crede che gli omicidi debbano essere prescritti?

«No».

Nel diritto francese gli omicidi cadono in prescrizione?

«No».

Dunque, bisogna fare eccezione con Battisti?

«No, ma guardi, in quegli anni in Italia c'era una vera guerra civile».

Non c'era nessuna guerra civile, ma un fortissimo conflitto sociale nel quale gruppuscoli di assassini hanno tentato di imporsi e sono stati isolati, dalla società e dal sistema democratico.

«Ma non bisogna dimenticare che c'erano gli attentati e le stragi di estrema destra».

E allora? Per rispondere ad atti criminali lei pensa fosse giustificato assassinare a freddo un maresciallo, un agente, un macellaio e un gioielliere come hanno fatto i Pac di Battisti?

«No, non giustifica certo, sono d'accordo con lei, non ho

nessuna intenzione di difendere dei crimini (..)».




permalink | inviato da il 9/3/2004 alle 16:28 | Leggi i commenti e commenta questo postcommenti (0) | Versione per la stampa
sfoglia     maggio       
 
 




blog letto 1 volte
Feed RSS di questo blog Reader
Feed ATOM di questo blog Atom

COSE VARIE

Indice ultime cose
Il mio profilo

RUBRICHE

Diario
Queequeg

VAI A VEDERE


 

 

 

 

 

 

 

 

Quanto a me, io sono tormentato da una smania sempiterna per le cose lontane.
Mi piace navigare mari proibiti e approdare su coste barbariche. Non ignorante di ciò che è bene, sono lesto a percepire un orrore, ma non per questo, se ci riesco, gli volto le spalle; dato che non è che bene mantenersi in buoni rapporti con gli inquilini del luogo dove si abita.

 

 

 

 

 

 

 

Archivio

 

BLOGS

1972

Adinolfi

Alzataconpugno

Attentialcane

Biraghi

Blog Trotter

Calimero

Camillo

Estremo Occidente

Forza Paddick

Freccia nell'azzurro

Harry

I love America

Klamm

Lebowsky

Leibniz

Leonardo

Macchianera

Mantellini

Mdg

Miserabili

Napoorsocapo

Nonsolorossi

Oca Pazza

Orfini

x§°nalità c°nfu§a

Petunias

Pfaall

Quarky

Rolli

Sabelli Fioretti

Salto del Canale

Squonk

Wittgenstein

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

LETTURE DI PRUA

Corriere della Sera

Il Foglio

La Gazzetta dello Sport

il manifesto

Repubblica

Riformista

La Stampa

 

Analisi Difesa

Diario

Emporion

L'espresso

Panorama 

 

 

 

 

 

 

 

 

LETTURA DI POPPA

The Adam Smith Society

Area

Aspen Institute Italia

Charta Minuta

Critica Liberale

Fondazione Luigi Einaudi

Ideazione

Istituo Bruno Leoni

Istituti Studi di Politica Internazionale

Italianieuropei

Magna Carta

Nens

Osservatorio Parlamentare

 

 

 

 

 

 

 

LETTURE DA LATRINA

Agenparl

Barbiere della Sera

Buvette

Dagospia

Svanity Fair (cancelled) 

 

 

 

  

CERCA